4 novembre 2019

Data storica per l’Italia, data storica per chi l’ha vissuta in diretta, dico bene caro Nonnino ? Eri là tu in quei giorni del 1918, quando fini una delle guerre europee, orribile come tutte le guerre.

Beh, in questa data termina anche la mia esperienza lavorativa, durata un anno. Sarà tempo di consuntivi, ma soprattutto sarà tempo di ripensare l’azienda “Mauro Barbati”, cercando di capire dove ci porta questo fine anno, ma soprattutto quale su quale barca salirò nel 2020. Qualche idea è già dentro me. Sviluppiamo, apriamoci che il grigio diventi un bel colore quando le nevi saranno sciolte.

dav

C’è del buono in questo mondo, padron Frodo

“Non posso farlo, Sam”, dice Frodo al suo amico e servitore.
La risposta di Sam è una delle frasi più belle di tutta la trilogia: “Lo so. È tutto sbagliato. Noi non dovremmo nemmeno essere qui. Ma ci siamo. È come nelle grandi storie, padron Frodo. Quelle che contano davvero. Erano piene di oscurità e pericoli, e a volte non volevi sapere il finale. Perché come poteva esserci un finale allegro? Come poteva il mondo tornare com’era dopo che erano successe tante cose brutte? Ma alla fine è solo una cosa passeggera, quest’ombra. Anche l’oscurità deve passare. Arriverà un nuovo giorno. E quando il sole splenderà, sarà ancora più luminoso. Quelle erano le storie che ti restavano dentro, che significavano qualcosa, anche se eri troppo piccolo per capire il perché. Ma credo, padron Frodo, di capire, ora. Adesso so. Le persone di quelle storie avevano molte occasioni di tornare indietro e non l’hanno fatto. Andavano avanti, perché loro erano aggrappate a qualcosa.”
“Noi a cosa siamo aggrappati, Sam?”
“C’è del buono in questo mondo, padron Frodo. È giusto combattere per questo.”

Esopo – Il cane, il gallo e la volpe

Un cane e un gallo erano amici e viaggiavano insieme. Giunta la sera, per dormire il gallo salì su un albero e il cane si sistemò tra le sue radici. Al mattino, come sua abitudine, il gallo cantò. Una volpe l’udì e accorse sotto l’albero: «Come canti bene! Che bella voce! Scendi che ti voglio abbracciare.» «Certo, ma prima devi svegliare il guardiano che sta ai piedi dell’albero.» E mentre la volpe stava per svegliarlo, il cane balzò fuori e la fece a pezzi. Le persone di buon senso, con qualche stratagemma, sviano gli assalti dei loro nemici verso qualcuno più forte di loro.